Nonostante i cambiamenti nella mia routine, i prodotti provati e le cose che ho capito, ci sono alcuni errori che continuo a commettere e ve li voglio raccontare nel secondo appuntamento del mio ABC Capelli. Sì, perchè pensando a come strutturare questo nuovo filone dedicato all’ hair care, prima di condividere con voi alcuni miei suggerimenti, voglio condividere quello che ancora sbaglio. Lo faccio per farvi capire che anch’io ho ancora un bel pò di strada da fare, ma anche che nonostante alcuni errori, se la linea generale è buona, è più facile rimediare! Ciò non toglie comunque che devo lavorarci e in alcuni casi non credo cambierò.

Ecco le cinque cose che so dovrei evitare, ma invece continuo a fare:

1. NON IDRATARE/NUTRIRE I CAPELLI TRA UN LAVAGGIO E L’ ALTRO

Ebbene sì. Non ravvivando lo styling i giorni successivi al lavaggio, evito di applicare prodotti tra un lavaggio e l’ altro. Prodotti però che aiuterebbero i miei ricci a non arrivare troppo secchi al lavaggio successivo. I motivi sono due, che ad essere sinceri, si riconducono ad uno solo. La pigrizia. Difficilmente infatti trovo referenze che una volta applicate, non vadano a modificare il riccio. Nella maggior parte dei casi rischiano di disfarsi, le punte scelgono la loro direzione e in generale la chioma appare più disordinata.

Per rimediare dovrei usare l’ asciugacapelli, inumidirli prima, ma non ne ho voglia. Quando raramente mi trovo ad utilizzare un prodotto che non cambia la texture dei capelli, non me li appesantisce, appiccica o rende più duri, allora e solo allora capita più spesso che io ricorra a questo ulteriore step. Ma è molto raro, molto ed è un peccato, soprattutto in un caso. Quello del secondo errore! Devo dire però che quando i capelli sono già rovinati (soprattutto a causa del #5), sarebbe meglio che almeno lo fossero da nutriti e non da super secchi. Ci penserò!!!

2. LAVARE I CAPELLI UNA E NON DUE VOLTE A SETTIMANA

Ecco, quando commetto questo errore le conseguenze del precedente si amplificano e i miei capelli arrivano al wash day davvero disidratati. Proprio ieri sul mio canale YouTube ho pubblicato un video sfruttando questa situazione per mostrarvi un Prima e Dopo che possa spiegare meglio le mie parole. Se il primo errore è praticamente una costante, questo è più raro, ma nel periodo invernale, capita che risolva il look legando i miei ricci, posticipando il lavaggio, visto che fortunatamente la mia hair care naturale mi permette di farlo.

Prima e dopo capelli mycurlycolours3. NON RISPETTARE I TEMPI GIUSTI PER IL TAGLIO

Altro errore, sempre dovuto al fatto che in un certo senso i miei capelli si autogestiscono. Se infatti per oltre sette anni non hanno visto un parrucchiere e sono sopravvissuti al mio fai da te, due anni invece di uno tra un taglio e l’ altro, ben fatto e professionale non sarà una tragedia. Questo il mio pensiero, ma in questo caso solo per giustificare il mio non essere riuscita nei mesi scorsi a passare da I Love Riccio per una nuova sessione di taglio.

Se avessi lo stesso parrucchiere di fiducia in zona, questo non sarebbe uno degli errori della lista. Avendo trovato la pace del taglio solo a Milano, purtroppo sono molto legata agli impegni e ai ritmi se,mpre frenetici che ho quando sono lì. In primavera dovrò assolutamente ritagliarmi un paio d’ ore, anche perchè so che dopo i miei ricci cresceranno ancora di più, quindi è anche un incentivo! Se vi interessa la mia esperienza da I Love Riccio trovate qui l’ articolo dedicato.

4. NON FARE IMPACCHI PRE SHAMPOO

Anche qui vince la pigrizia, perchè mi ricordo di fare impacchi pre lavaggio solo quando ho delle maschere pronte all’ uso che ben si prestano allo scopo. Una volta terminate, se cambio prodotto e non noto gli stessi benefici, salto questo step a piedi pari. Henné, erbette e miscugli vari sono proprio lontanissimi da me e nonostante sia consapevole che potrebbero giovare alla mia chioma, è un mondo che proprio non considero. Ecco, questa credo che sia la mia abitudine sbagliata più difficile da cambiare.

5. STRAPPARE I CAPELLI

Concludo con il botto, con l’ ultimo e il più grave. Che  tra l’ altro, purtroppo, senza rendermene conto, ho incrementato nell’ ultimo anno circa. Forse anche meno di un anno pensandoci bene. Me ne sono resa conto nel periodo in cui stavo studiando per il Corso. Mentre ero concentrata, in alcuni momenti,  tendevo a prendere e a dividere con le dita della mano sinistra alcuni ricci che fuoriuscivano dal “turbante” che uso in casa. Insistendo alla presenza di qualche piccolo nodo, fino a strapparlo. Più ero concentrata, più tendevo a farlo. Sicuramente quello è stato il periodo peggiore, perchè è stato un crescendo di impegno e ansia, ma a volte mi accorgo che capita anche adesso nei giorni in cui sono particolarmente presa.

Una soluzione c’è e anche più semplice rispetto a quelle per altri errori. Acquistare un nuovo “turbante” (lo metto tra virgolette, perchè in realtà è uno scaldacollo). Essendo nuovo starà più teso, coprirà tutti i capelli e non riuscirò più a prenderli semplicemente avvicinando la mano alla testa. Ok, iniziamo a rimediare! Obiettivo dei prossimi giorni sarà acquistarlo!!!

E voi, quali errori commettete? Se ne avete pensato qualcuno leggendo i miei, ditemeli nei commenti! Dall’ appuntamento #3 torneremo a parlare in positivo.

Al prossimo psot

Un bacio grande

Lara

Lascia un commento