Bava di Lumaca, Resveratrolo e Giglio di Mare sono i tre sieri viso concentrati La Bioteca Italiana di cui parleremo oggi

Avevo detto che vi avrei raccontato presto altri sieri viso. Oggi mantengo la promessa e confronto con voi i tre Sieri viso La Bioteca Italiana che ho, anzi, abbiamo testato negli ultimi mesi. In ordine di acquisto Bava di Lumaca, Resveratrolo e Giglio di Mare. Due sono già finiti. Saranno finiti in questo ordine oppure no? Leggete l’articolo per saperlo, anche perché, alla fine, vi lascerò le mie opinioni generali su questi sieri.  

I nuovi sieri viso La Bioteca Italiana

La prima volta che vidi questo nuovo assortimento viso La Bioteca Italiana la mia attenzione cadde subito sui sieri. In quel momento ero presa da altri test e non ne acquistai neanche uno. Tenendoli però presenti per la prima occasione utile. L’occasione non tardò ad arrivare e poche settimane dopo, quando Ivan terminò il suo siero viso,  il Siero Concentrato Bava di Lumaca tornò a casa con me. 

Questi sieri viso fanno parte dell’ampliamento della proposta skin care La Bioteca Italiana. 5 nuove linee che si aggiungono alla già presente linea alla Canapa. Ciascuna con diverse referenze.

Tutti i sieri sono concentrati (almeno nella descrizione) e hanno le stesse caratteristiche. PAO di 6 mesi, 30 ml di prodotto, certificati Bios, prodotti da SAN.ECO.VIT Srl a Milano. Flacone in vetro solido con contagocce e packaging secondario in carta. Anche sul flacone sono presenti le specifiche principali, INCI compreso.Siero viso La Bioteca Italiana - Bava di Lumaca, Resveratrolo, Giglio di Mare

La percentuale di ingredienti naturali oscilla tra il 98% di questo alla Bava di Lumaca e il 99% degli altri due. Ed è simile anche per gli altri Sempre questo alla Bava di Lumaca, per ovvi motivi, è l’ unico non Vegan dei tre che esaminiamo oggi. 

I prezzi oscillano tra i €  4,99 e i € 5,95, quindi sono dei sieri viso davvero economici. Io li trovo da Tigotà e sono in vendita anche sullo shop online della catena, ma li ho visti anche da Acqua e Sapone.  

Siero viso concentrato Bava di Lumaca Bio La Bioteca Italiana

Il primo che ho acquistato, al prezzo di € 4,99, all’ inizio usato solo da Ivan. Poi anche da me. Mi è piaciuta subito la texture in gel leggero, che permette un buon massaggio. Così come la pelle post applicazione liscia e non appiccicosa. Anche in estate. 

La profumazione ha fin da subito incontrato il mio gusto, perché è praticamente assente. Non è il siero viso che vi inebria con il suo profumo. Anzi chi ama i prodotti skin care profumati potrebbe non gradire.  

L’ INCI vede la Bava di Lumaca al secondo posto dopo l’ Acqua. Il che vuol dire che è in percentuali significative (qui trovate alcune info minimal sugli INCI se vi servono). Seguono Acido Ialuronico, Estratti di Calendula, di Hamamelis, di Ginseng, Succo d’Aloe Vera, Estratto di Achillea e Glicerina. Siero concentrato Bava di Lumaca La Bioteca Italiana INCI Siero concentrato Bava di Lumaca La Bioteca Italiana

Ammetto che la mia scelta di provare per primo il Siero viso Concentrato alla Bava di Lumaca sia stata dettata proprio dall’ INCI. Più ricco di attivi rispetto agli altri che potevano incuriosirmi e che poi ho provato.  

Utilizzandolo però è stata una delusione. Se è vero infatti che l’elenco degli ingredienti ci dà un’ idea di quello che stiamo acquistando, non sapendo quanto realmente c’è all’ interno di ciascun ingrediente e di che qualità, non possiamo avere la certezza della resa finale. 

Aggiungiamoci poi l’ immancabile gusto soggettivo e si salvi chi può. 

Parlo così perché, come ho già detto nell’ articolo dei finiti in cui è rientrato, questo siero viso non ha nulla in più di un classico Gel d’Aloe o di un’Acqua Termale. Lascia la pelle idratata, ma nulla di più. È ben lontano dai sieri viso a base di Bava di Lumaca che ho usato in passato. Siero concentrato Bava di Lumaca La Bioteca Italiana

E no, non è solo una questione di prezzo. Ci sono sieri molto costosi che sono poco diversi da questo e altri economici che si difendono benissimo. Per questo siero non ci sono spiegazioni dettagliate sulla provenienza e la qualità della Bava di Lumaca utilizzata, il che mi fa pensare che si tratti di uno dei classici attivi base a cui tanti brand accedono per le loro formulazioni. 

Ma non mi sono voluta fermare a questo primo impatto. E se frequentate abbastanza spesso questo blog lo sapete già, visto che ho acquistato altri due prodotti della linea Bava di Lumaca La Bioteca Italiana. Ne ho parlato qui se vi interessa approfondire e vi dico anche che il Tonico nel frattempo l’ho anche riacquisto.  

Siero viso concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana

Il secondo che ho voluto provare è stato il Siero Concentrato Resveratrolo. Impossibile non farlo per chi come me ha la passione del beauty e del vino e vorrebbe unirle il più possibile.  

Vi dico subito che non è ancora finito. Abbiamo superato la metà, ma è ancora nel nostro bagno. 

Anche questo siero è senza profumazione e ha tutte le caratteristiche citate poco fa. Promette una pelle più distesa e compatta grazie al Resveratrolo appunto e alle Cellule Staminali da Uva. Che proteggono la pelle dai danni causati dai radicali liberi. Prezzo € 5,95.Siero concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana

INCI Siero concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana Succo d’ Aloe, Resveratrolo, Cellule Staminali, Estratto di Vite Rossa e Glicerina sono gli ingredienti che risaltano nell’ INCI. Ma non ho prestato attenzione a un dettaglio non indifferente, anzi. Questi ingredienti seguono il primo, che non è l’ Acqua, ma il Propanediol. Un umettante, emolliente, che migliora anche texture e conservazione dei cosmetici. Nulla contro il Propanediol, anzi, proprio in questo periodo sto usando altri cosmetici che lo contengono nelle prime voci e mi sto trovando benissimo. Ma in questo tipo di formulazione una base di questo genere fa sì che un siero all’ apparenza quasi liquido sia in realtà oleoso.

Se avete letto l’articolo dedicato ai sieri viso Dropology sì, ci risiamo. E sì, Ivan non ha voluto usare nemmeno questo, perché la sensazione sul viso non gli piace. In più, cosa che con il siero Vitamin non capita, quando si applica il Siero Resveratrolo si sente un leggero calore al viso. Su di me è quasi impercettibile, su Ivan è più forte e non è certo stato un incentivo a continuarne l’utilizzo. Contagocce e texture Siero concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana

Se per me questa sensazione momentanea non è un problema, lo è quel leggero residuo di prodotto che rimane sulla pelle post massaggio. In estate quando spesso non uso la crema o solo la crema solare, è davvero ingestibile. Adesso conto di abbinarlo a una crema non troppo ricca tra qualche settimana. Non ho ancora fatto delle prove, ma se andrà come con il Vitamin, che ho provato a usare così, finirà che li terminerò entrambi usandoli solo la sera.

La differenza principale rispetto al siero Bava di Lumaca è proprio quella della texture. Che in questo caso deve piacere. La me di qualche anno fa non avrebbe avuto problemi ad utilizzarlo. Ma si cambia e adesso è lì che aspetta di essere finito. Texture Siero concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana

Texture Siero concentrato Resveratrolo La Bioteca Italiana Siero viso concentrato Giglio di mare Bio La Bioteca Italiana

Eccoci al terzo e ultimo di questi sieri. Il Siero Concentrato Giglio di Mare. Considerando le esperienze con gli altri due ho deciso di acquistarlo quando Tigotà ha proposto un mega sconto di € 30,00 su una spesa di € 60,00. Non mi serviva un siero in quel momento, ma visto che ne usiamo parecchi e mi era rimasta la curiosità di provarne un altro, l’ho preso.  Prezzo € 5,95.

Attesa di qualche settimana quindi per iniziare i test e poi l’abbiamo iniziato. Dall’INCI sembrava che il pericolo texture fosse scampato. Anche se ho temuto che la Glicerina seconda dopo l’Acqua potesse nascondere delle insidie. Invece no, la texture è simile a quella del Siero Bava di Lumaca, leggermente più in gel. 

L’attivo principale qui è il Giglio di Mare, che inibisce la sintesi di Melanina e aiuta a contrastare discromie e macchie. La promessa quindi è quella di un incarnato più uniforme e luminoso. Siero concentrato Giglio di Mare La Bioteca Italiana INCI Siero concentrato Giglio di Mare La Bioteca Italiana

Non l’ ho certo acquistato sperando che mi facesse sparire il melasma, ma ho sperato che aiutasse. E non so se sia stato solo merito suo o una felice combo di prodotti, ma adesso che lo scrivo e ci faccio caso, devo dire che da qualche anno a questa parte in questo periodo ho sempre avuto macchie decisamente più accentuate 

Non ho la certezza che sia stato merito solo di questo siero, che però tra i tre è quello che ho preferito. Anche solo come texture e azione idratante. Sempre senza profumazione, lo riacquisterò prestando più attenzione a questo aspetto. E anzi, ho avuto un’ idea che non posso dirvi adesso, ma vi aggiornerò presto.  

Cosa penso in generale di questi nuovi sieri La Bioteca Italiana

Credo si sia capito che non è stato un colpo di fulmine, ma sono contenta di aver perseverato. L’ ultima prova infatti è quella che mi ha dato più soddisfazioni e mi ha convita al riacquisto. Non li trovo assolutamente dei concentrati e cambierei proprio la descrizione. 

Come ho già detto per gli altri prodotti alla Bava di Lumaca, queste novità viso La Bioteca Italiana però permettono di fare qualche prova e trovare alcune referenze che possano rappresentare quell’ acquisto in attesa dell’ ordine online o della spesa più importante. Senza trascurare nel frattempo la propria routine skin care.

Per il momento per me Mousse Detergente, Tonico e Siero Giglio di Mare sono tre prodotti che svolgono quel ruolo e infatti qualche giorno fa, quando mi serviva un Tonico, ho riacquistato quello alla Bava di Lumaca. Preferendolo anche alla Mist Naobay, che comunque ci piace. Sieri viso La Bioteca Italiana - Bava di Lumaca e Resveratrolo

Facendo un rapido confronto con i Siero Dropology di cui abbiamo parlato poche settimane fa, con cui l’ esperienza è stata molto simile, tra il Tens Dropology e il Giglio di Mare La Bioteca Italiana preferisco quest’ ultimo. Che, mi stavo dimenticando, è finito! 

Parleremo ancora di prodotti viso di questo brand, chissà quali saranno i prossimi. Non ho invece la stessa curiosità invece per continuare i test delle novità corpo, dopo la prova dello scrub. Ditemi la vostra se li avete provati!

E se volete restare in argomento sieri viso vi invito a leggere anche qualche altro articolo: 

Al prossimo post, intanto vi aspetto su Instagram (@mycurlycolours), sul mio nuovo profilo Pinterest e vi invito a iscrivervi qui per ricevere newsletter mensile e contenuti speciali.  

Un bacio grande 

Lara

Lascia un commento